Calendario di giugno e luglio 2014

Ecco un piccolo riassunto delle nostre attività dei prossimi mesi, prima della pausa estiva…

Domenica 8 giugno – La gioia
Continuano gli incontri del ciclo “Psicologia e Taoismo” tenuti da Paolo Gorini e Miriam Carcano. Quello di questa domenica sarà focalizzato sulla gioia, emozione rincorsa, inseguita, agognata e spesso fin troppo sfuggevole. Miriam e Paolo ci illustreranno, fondendo come sempre la tradizione orientale con i principi della moderna psicologia occidentale, come annaffiare la propria piantina di gioia… giorno dopo giorno!
Appuntamento l’8 giugno dalle 9.00 alle 16.00. Info a QUESTO LINK.

6-12 luglio – Imparare l’amore
Torna la vacanza seminario nella bellissima isola di Ischia condotta da Lorella Cantaluppi e Miriam Carcano, che è insieme un po’ terapia di gruppo, un po’ puro relax, in un ambiente caldo e accogliente. Il tema di quest’anno è l’amore: tutti pensiamo di saper amare, ma è veramente così? Durante questa esperienza, il gruppo cercherà di capire cos’è amare e cosa non lo è, con strumenti offerti dalle discipline orientali e dalla psicologia occidentale. Comeè tipico dell’approccio di Miriam e Lorella, verranno coinvolte più dimensioni: corporea, mentale, emotiva, spirituale.
Tutte le informazioni sul seminario sono QUI.

Sabato 19 e domenica 20 luglio – Corso sul metodo Buteyko
Il Metodo Buteyko, studiato e sperimentato dal medico russo K. Buteyko, è approvato e utilizzato dal ministero della sanità russo fin dal 1985. E’ considerato utile per curare allergie, ipertensione, ansia, attacchi di panico, apnee notturne e tante altre patologie.  Conduce il corso, che siterrà al sabato tutto il giorno e domenica solo alla mattina, Carlo Carlesi. Info QUI.

Che gioia! – Seminario di psicologia e taoismo, 8 giugno

joy
Continua il ciclo di incontri che fondono le teorie della moderna psicologia occidentale con il sapere dell’antica filosofia orientale taoista.Questa volta, il tema dell’incontro che si terrà domenica 8 giugno e che sarà condotto come sempre da Miriam Carcano e Paolo Gorini, sarà la GIOIA.La gioia è sicuramente l’emozione più ambita da ogni persona: la ricerchiamo costantemente, ma più la rincorriamo, più sembra sempre sfuggirci tra le dita.

In realtà la gioia è perfettamente dentro di noi: del tutto simile ad un’esile piantina, va coltivata con cura, giorno per giorno, per darle modo di regalarci i suoi splendidi e deliziosi frutti.

Dobbiamo solo diventarne consapevoli.

Come possiamo coltivare la gioia per poi gustarne i frutti?

Durante questo incontro, Paolo e Miriam forniranno ai partecipanti gli ingredienti adatti per imparare ad essere felici, esploreranno le vie per creare un substrato fertile, dove la gioia possa attecchire e prosperare, e daranno metodi per nutrirla costantemente e fare in modo che divenga un bene duraturo: il nostro e più bell’albero della Vita.

Quando
Domenica 8 giugno, dalle 9.00 alle 16.00. Si mangia insieme, per cui si richiede a ciascuno di portare del cibo da condividere con tutti gli altri.

Dove
Al Centro dell’Essere, in via Rismondo 81, a Seregno.

Per info
E’ possibile contattare via mail o telefonicamente Miriam Carcano (miriamcarcanopsi@gmail.com tel 3395016281) e Paolo Gorini ( pfgorini@gmail.it tel.3386234393) oppure si può inviare un messaggio QUI.

Conversazioni con Dio

Quello di Neale Walsch non è un testo new age, non parla di visioni mistiche e non racconta dell’incontro tra l’autore e un austero vecchio con la barba bianca adagiato su un trono celeste. Niente di tutto ciò. Questo libro è una normalissima lettera di sfogo rivolta a Dio e in cui proprio Dio, “casualmente”, risponde.

Ipotizzate di essere in preda allo sconforto, stanchi della vita, disperati, depressi. Ipotizzate di avere l’abitudine di mettere nero su bianco le vostre frustrazioni e i vostri dispiaceri, su un diario, magari. Ipotizzate poi di aver individuato la causa delle vostre sfortune nella divinità in cui credete e di decidere di scrivere ad essa un’accorata lettera di protesta per avere una valida e razionale spiegazione su tutto quello che nella vostra esistenza non funziona.

Infine, immaginate di aver appena terminato di porre a Dio le vostre domande per iscritto, di essere psicologicamente esausti e che, mentre siete ancora seduti con la biro attaccata al foglio, la vostra mano inizi a muoversi da sola, quasi autonomamente, disegnando parole e frasi di risposta.

Il punto di partenza di “Conversazioni con Dio” – il cui titolo, in un certo senso, è quasi fuorviante – è questo. Neale Walsch, dopo un periodo buio, ha davvero scritto una lettera di protesta a Dio che, proprio nel modo appena descritto, gli ha risposto, costruendo un lungo e importante dialogo con lui, pubblicato poi in questo volume. Ma chi o cos’è Dio, allora?

Walsch lo lascia intuire quasi subito: il divino è la nostra essenza più profonda che tutto già conosce e che può guidarci come un maestro interiore nel cammino della vita, se la sappiamo ascoltare. Dio è la parte più pura, elevata e saggia di noi stessi, quella che abbraccia la gioia, quella che fa sì che ci accettiamo per come siamo, che rifiuta i dogmi, quella che preferisce l’amore alla paura, che ci ricorda che i nostri stessi pensieri sono le energie psichiche che “buttiamo” all’Universo, ri-ottenendo in cambio quanto abbiamo domandato, consapevolmente o inconsapevolmente.

Sembra quasi che l’autore intenda il divino come Socrate intendeva il Daimon, lo spirito interiore che faceva da guida al filosofo greco.

“Conversazioni con Dio”, dunque, non deve essere letto come una rivelazione, ma come un esercizio, uno sprone per iniziare a conoscere, riscoprire, “ricordare”, come afferma Walsch, la propria interiorità, il proprio compito nel mondo; per far funzionare quella che altri avrebbero chiamato intelligenza corticale; par avere la forza di ascoltare il mondo e guardare davvero in fondo a se stessi.

Consigliamo questo libro a tutti, ma soprattutto a tutti coloro che non si accontentano di risposte banali sul senso dell’esistenza.

Neale Donald Walsch
Conversazioni con Dio
Sperling&Kupfer Economica
10,50 euro