Onorare il corpo – l’autobiografia di Alexander Lowen

Il papà della Bioenergetica scrisse molti libri nel corso della sua lunga e fortunata carriera; questo, l’ultimo che pubblicò pochi anni prima di scomparire, racchiude in qualche modo tutti gli altri e abbraccia tutto il suo lavoro e le sue riflessioni sul corpo. Ma c’è molto di più del racconto di un’esperienza lavorativa: in quest’autobiografia, Lowen racconta essenzialmente le proprie paure e i blocchi che lo hanno portato a voler studiare con così tanto amore e dedizione il corpo da creare poi una disciplina psicologica a sè.

La prosa, sempre scorrevole, sembra nei primi capitoli quasi quella di un romanzo, l’ambientazione quella di un vecchio film: il terapeuta racconta dell’infanzia trascorsa a New York nei primi del Novecento, dei giochi per strada con gli altri bambini, di una madre eccessivamente rigida e oppressiva e di un padre privo di polso, incapace di prendere delle decisioni; si passa poi all’adolescenza e alla giovinezza, periodo di ottimi risultati scolastici che si riflettono però in un isolamento rispetto ai coetanei e di conseguenza all’assenza di rapporti con le ragazze; si arriva poi all’età adulta, momento in cui Lowen, anche in virtù della sua ossessione per il sesso, inizia ad indagare il rapporto tra corpo e mente, conosce il dottor Reich ed inizia un percorso di psicanalisi che gli stravolse letteralmente l’esistenza, spronandolo a creare, con l’aiuto e il supporto della moglie Leslie, l’analisi Bioenergetica.

Verso la metà, il testo diventa una riflessione sul metodo e sui cinque tipi di caratteri nevrotici individuati negli anni osservando i pazienti: secondo l’autore, il problema più grande dell’uomo moderno è l’incapacità di “sentire” a causa di un’eccessiva fiducia nel pensiero. Questa mancanza di radicamento (grounding) porta appunto alla nevrosi, che secondo Lowen non è nient’altro se non la paura di vivere e di affrontare i propri blocchi. E’ qui che il lavoro del terapeuta bioenergetico si fa più delicato. Ricondurre i pazienti a “terra”, facendoli respirare e portandoli a contatto col proprio corpo, può sì farli “sentire” e dar loro energia, ma può anche costituire un “eccesso di vita” che spaventa ed innesca la nevrosi con maggior intensità.

E’ quasi impossibile non apprezzare lo sforzo costante del padre della Bioenergetica, che per un’intera vita ha tentato di integrare la sua eccessiva razionalità con i bisogni del corpo, suo vero maestro nella ricerca della sana e libera espressione di sè.

Un libro per chi vuole saperne di più su Alexander Lowen, per chi ne sa già abbastanza ma vuole ripassare i concetti base della Bioenergetica oppure per chi, semplicemente, desidera leggere una storia di un uomo che ha vissuto un’esistenza interessante.

Alexander Lowen
Onorare il corpo – La nascita della Bioenergetica nell’autobiografia del suo fondatore
Xenia edizioni
16,00 euro

Annunci

Amore, coscienza e psicoterapia – Verso una nuova educazione dell’essere umano

Amore-coscienza-e-psicoterapiaQuesto libro, che fa parte della collana “Percorsi di consapevolezza” di Xenia, diretta da Enrico Cheli, si legge per sapere come va a finire, per capire dove Claudio Naranjo – psichiatra e psicoterapeuta, tra i massimi esponenti della terapia della Gestalt, divulgatore della psicologia per enneatipi e del modello di enneagramma – stia andando a parare.

In sostanza l’autore riprende la teoria dei tre cervelli, ossia rettiliano o istintivo, limbico o emozionale e neocorticale, per ipotizzare tre diversi tipi di amore, erotico, amicale e compassionevole, spinti ciascuno da un bisogno diverso.

Il discorso passa poi alla coscienza, che può essere indagata sotto due differenti punti di vista, quello scientifico, derivante dalla medicina moderna, e quello spirituale, legato in parte anche alle tradizioni orientali antiche. Da qui, i due diversi tipi di psicoterapia con due distinti percorsi: uno più “scientifico”, l’altro spirituale, che percorre quasi un cammino sciamanico verso la scoperta dell’io.

Il libro è una lunga narrazione, ampia e dettagliata – e spesso non facile – delle esperienze di Naranjo e delle sue riflessioni, che attingono a piene mani dalla cultura classica e dal mito greco, passando per la filosofia contemporanea, la psicanalisi freudiana prima e transpersonale e bioenergetica poi, per arrivare infine alle discipline spirituali orientali e al nuovo sciamanesimo.

La schematicità, tipica di un testo divulgativo, lascia il posto alla fluidità del racconto, che interessa ma che tende a confondere e forse addirittura annoiare il lettore privo dell’infarinatura necessaria per comprendere appieno il testo.

Un libro per chi conose già le basi della psicologia o della filosofia e desidera approfondire il proprio punto di vista o valutarne uno nuovo.

Claudio Naranjo
Amore, coscienza e psicoterapia – Verso una nuova educazione dell’essere umano
Xenia edizioni
12,00 euro