Domani è il #socialbookday!

Domani-e-il-socialbookday

Domani, 15 ottobre 2014, cade il secondo Social book day, giornata dedicata alla lettura e allo scambio di idee. Lo scopo è evidente: condividere libri, incentivare l’hobby della lettura in un Paese in cui, ormai, si legge sempre meno (sia su supporto cartaceo, sia su suporto digitale).

Ci piacerebbe celebrare questa bella occasione con voi. Partecipare è molto semplice: è sufficiente twittare o pubblicare su Facebook e su tutte le altre piattaforme social (anche Google+, Pinterest o Instagram, tramite foto) una frase personale, un pensiero, una citazione del proprio autore preferito a sostegno della lettura e dei libri e in cui sia sempre presente l’hashtag #socialbookday.

Noi pubblicheremo sulla nostra pagina, per tutta la giornata, frasi di autori che ci sono piaciuti e che ci hanno aiutato nella nostra crescita personale.

Ci aiutate a rendere questa giornata indimenticabile, condividendo i post e segnalandoci (anche sulla bacheca Facebook o taggandoci su twitter) le vostre frasi/citazioni più belle e più significative?

Lo staff del Centro

 Foto di copertina: © http://www.huffingtonpost.com
Annunci

La paura è una sega mentale

paura sega mentale

“La paura è una tigre in agguato nella nostra stessa ombra, sempre pronta a ghermirci. E ci insegue per tutta la vita”.

Inizia così La paura è una sega mentale – come liberarsene per sempre, uno dei (tanti) libri dello psicologo Giulio Cesare Giacobbe che, con stile inconfondibilmente leggero ma estremamente efficace ci dimostra quanto sia in realtà semplice essere felici.

Il tema del libro è appunto la paura: Giacobbe ci racconta cos’è, come si sviluppa. Ce la spiega attraverso l’analisi transazionale e la teoria delle tre personalità, quella del bambino, quella dell’adulto e quella del genitore, e ci aiuta a superarla attraverso mantra di stampo orientale.

Un libro utilissimo, insomma, da leggere e sottolineare a piacere, in cui rivediamo tanto di quello per cui lavoriamo con la W.A.Y. Therapy o coi seminari di Psicologia e taoismo.

Giulio Cesare Giacobbe
La paura è una sega mentale – come liberarsene per sempre
Ed. Oscar Mondadori
Euro 5,90 (in edizione economica)

Manuale di un monaco buddhista per liberarsi dal rumore del mondo

Matsumoto, Keisuke - 2011 - website

Chi dice che i libri seri debbano essere scritti in modo “serioso”? Questo è vero soprattutto per il manualetto che vi segnaliamo oggi, scritto da un giovane monaco giapponese, che ci ricorda come recuperare la serenità interiore.

Keisuke Matsumoto ha 34 anni, una laurea in letteratura all’università di Tokyo e un MBA all’Indian School of Business, una moglie e un figlio. E sì, è anche un monaco buddhista, il primo che nel 2003 ha aperto un blog tutto suo (se siete in grado di leggere il giapponese, potete consultarlo cliccando qui ).

Non è il primo monaco a scrivere dei libri (il Dalai Lama, come sapete, ne ha scritti tanti); forse, però, è il primo ad averli scritti in uno stile così pratico, immediato e leggero. Il che li rende, oltre che utili, anche di piacevolissima lettura.

In questo manuale di 208 pagine, Keisuke ci ricorda che siamo quotidianamente sommersi dai rumori, provenienti sia dal mondo esteriore, sia da quello interiore:”Apriamo gli occhi al suono della sveglia, ascoltiamo musica in macchina o sui mezzi pubblici, mentre dal taschino o dalla borsa esce spesso il suono del cellulare. In città risuonano i clacson delle automobili, le sirene della polizia, in casa lo stereo e il televisore. Siamo circondati da un turbinio di rumori. Ma non esistono solo quelli esterni: ci sono rumori che emergono dal nostro mondo interiore, come la gelosia o l’attaccamento ai beni materiali, che mettono a repentaglio la tranquillità dell’anima.”

Con 37 consigli pratici (tra cui troviamo ad esempio la meditazione o anche recarsi di tanto in tanto in un luogo tranquillo per rigenerarsi), il giovane monaco ci aiuta a riappropriarci del silenzio interiore, unico strumento per garantirci la serenità dell’anima.

Un bel libro e buon regalo, per se stessi o per gli altri.

Keisuke Matsumoto
Manuale di un monaco buddhista per liberarsi dal rumore del mondo
Vallardi edizioni
Euro 12,50

L‘account Twitter di Keisuke matsumoto è anche in inglese.

I quattro accordi – per fare della realtà un bel sogno

Immagine

Cosa serve per essere felici e liberi? Le risposte e i punti di vista sull’argomento sono tanti, qui al Centro ve li proponiamo e li indaghiamo ogni gionro. Per Don Miguel Ruiz, erede della saggezza tolteca, bastano quattro accordi con se stessi

I toltechi erano un popolo precolombiano vissuto nell’area dell’attuale Messico prima dei Maya; ciò che li definiva, la parola “tolteca” significa “artista”. E’ da questo che parte Don Miguel Ruiz per spiegare i concetti espressi nel suo – ormai davvero famosissimo – libro, I quattro accordi, un best seller internazionale pubblicato e conosciuto anche in Italia.

Ruiz usa la metafora del sogno: la vita sul Pianeta è un  – brutto –  sogno realizzato qui e ora dagli esseri umani, fatto di guerre, malattie, distruzione, inganni a cui siamo abituati. L’autore stesso sostiene che sin da bambini siamo addomesticati, indottrinati a creare e rigenerare costantemente, con parole e azioni, questo sogno infernale che impedisce agli esseri umani di essere veramente liberi. Prendiamo cattivi accordi con noi stessi, ci giudichiamo, ci maltrattiamo. Dunque non siamo felici.

Per rimediare, ecco che entra in gioco la via tolteca, il “metodo” dell’artista: creare un nuovo sogno. Come? Con i quattro accordi proposti da Ruiz, quattro azioni che possono – secondo l’autore – “riprogrammare” la nostra mente e plasmare una nuova realtà.

Sii impeccabile con la parola
Non prendere nulla in modo personale
Non supporre nulla
Fai sempre del tuo meglio

Per Ruiz le cattiverie, i pettegolezzi, ma anche le opinioni degli altri non dovrebbero toccarci, così come non dovrebbero farlo le supposizioni, costituite dalla pura immaginazione negativa. A livello psicologico, modificare le parole e smettere di immaginare negativamente il pesente e il futuro nostro e dei nostri cari significa anche  – con il tempo – vedere in maniera positiva la realtà e migliorare il proprio stato di benessere.

I quattro accordi è sicuramente un libro con spunti interessanti che si ricollega a tanti testi che vi abbiamo già consigliato. Forse un po’ utopistico, è un buon punto di partenza per iniziare a essere più dolci con se stessi e con chi ci sta attorno. Ma non è il senso di ogni cambiamento, partire dal piccolo?

Don Miguel Ruiz
I quattro accordi
ed Il punto d’incontro
euro 6,20

Metagenealogia: l’albero genealogico che cura

metagenealogia-libro-59396Psicologia, tarocchi e albero genealogico: sono questi gli ingredienti dell’ultimo libro di Alejandro Jodorowsky, un autore che ha davvero poco bisogno di presentazioni, scritto in collaborazione con Marianne Costa.

Il regista che ha inventato la “Psicomagia” come metodo per curare se stessi, presenta finalmente al pubblico il lavoro in cui ha unito lo studio del comportamento umano, delle influenze famigliari dell’individuo, della simbologia dei tarocchi e dell’arte teatrale.

Il principio su cui si basa il testo è molto semplice: studiare l’albero genealogico, le storie non solo dei propri genitori, ma anche dei nonni e dei bisnonni, i loro drammi, le ripetizioni degli schemi famigliari è utile per diventare più consapevoli dei propri modelli di comportamento ed eventualmente per “risanare l’albero”, laddove ve ne sia bisogno.

Il libro, un volume di quasi seicento pagine che si legge davvero con molto interesse, scatena fin da subito nel lettore la voglia di raccogliere informazioni, foto, storie sulla propria famiglia. Sprona a scavare nel passato dei nonni per capire se stessi, ma non solo. Invoglia a riappropriarsi delle proprie radici, belle o brutte che siano, perché solo prendendosi cura di quelle radici il proprio albero potrà diventare sano e forte.

Così, gli esercizi proposti da Jodorowsky nei vari capitoli del libro, studiare le interazioni tra i parenti, ricollegarsi alla simbologia dei tarocchi, tutto diventa un pretesto per avere una visione d’insieme della propria vita e per riprenderla in mano, se la si sente sfuggire tra le dita.

Un libro bello che consigliamo a tutti, ma soprattutto a chi non ha paura di scavare nel passato per risanare il presente.

Alejandro Jodorowsky, Marianne Costa
Metagenealogia – La famiglia, un tesoro e un tranello
Feltrinelli
25,00 euro